Lea
Storia di una bambina
(2014)

di Gaetano Bernardi
F.to 13x18 cm - 144 pagine
ISBN 978-88-7498-225-7
Euro 12,00

ORDINA
   
 
Il romanzo Lea di Gaetano Bernardi (1884-1954) ha avuto successo
fin dalla sua prima edizione presso la casa editrice torinese SEI.
Tuttavia la data rimane incerta. Alcuni repertori bibliografici la datano 1917
ma questo riferimento cronologico è da ritenersi non corretto perché Gaetano
Bernardi durante la guerra era internato nei campi profughi oltre le Alpi
e sicuramente poteva scrivere e studiare, ma è difficile pensarlo impegnato nella
scrittura di un testo antiaustriaco. È quindi più probabile che la prima edizione sia
da collocarsi nel primo dopoguerra, con ogni probabilità nei primissimi anni Venti.
Una seconda edizione venne realizzata a cura della Casa Editrice Artigianelli
di Trento nella collana “Piccola Lampada” nel 1931.
Questa fu l’edizione più conosciuta anche perché venne adottata come libro
di lettura sia negli anni precedenti al secondo conflitto mondiale sia nel secondo
dopoguerra.
Lea venne infine ristampato dalla Casa Editrice Àncora nel 1947 e nel 1965.
Questa nuova edizione si basa sulla prima, oramai una rarità bibliografica.
In Trentino se ne conservano solo due copie, una a Rovereto presso il Museo
Storico Italiano della Guerra, la seconda nella biblioteca del Liceo Classico
“Giovanni Prati” di Trento.
Lea è un romanzo la cui protagonista è una bambina che vive gli anni della Grande
Guerra in una città abbandonata e abitata solamente dai soldati austriaci, mentre
la popolazione è internata nei campi profughi o in Italia o nelle varie regioni
dell’impero austro-ungarico.
E così accade che il romanzo involontariamente diventa anche importante
testimonianza di come i bambini hanno vissuto questa tragedia.
Questa nuova edizione "Lea, storia di una bambina", grazie anche ai saggi di Marco
Dallari e Marco Zaninelli, è l’occasione per riflettere su Rovereto e la Grande
Guerra e di riappropriarci di un libro che contribuì a far conoscere la città anche
fuori regione.