MISSIONE COMPIUTA
In ricordo di Guido Tovazzi simbolo
della solidarietà trentina nel mondo


di Maurizio Panizza
F.to 17x24 cm - 104 pagine
ISBN 978-88-7498-125-0

ESAURITO

Per ordinare il volume contattare
il Comune di Volano - Tel. 0464 411250
   
   
  È bene dare se ci chiedono,
ma è meglio capire quando non ci chiedono nulla.
E per chi è generoso, cercare il povero
è una gioia più grande che donare,
poichè chi è degno di bere al mare della vita,
può riempire la coppa alla tua sorgente.

Gibran Kahlil Gibran



Guido Tovazzi nel 1978, all’età di 39 anni, casualmente conosce un padre
missionario durante uno dei tanti incontri che a Volano, in provincia di Trento,
si organizzano in favore dei Paesi africani. Guido è una persona qualunque,
con una avviata officina meccanica dove costruisce rimorchi e macchinari agricoli.
Ha una moglie e tre figlie, una famiglia unita come tante altre.
Eppure, dopo quell’incontro fortuito qualcosa cambia radicalmente in lui:Guido
Tovazzi, da lì in avanti, non sarà più lo stesso. Colpito profondamente da tanta
miseria e spinto da un’ansia irrefrenabile di dare il suo aiuto, nel corso degli anni
successivi Guido ribalta il tavolo della propria vita e si dedica a progetti di solidarietà
sempre più impegnativi e numerosi, sia in Africa come in altri Paesi del mondo.
Diventa, insomma, quello che un tempo era chiamato un “missionario laico”,
mettendo così al primo posto della sua esistenza il miglioramento della vita
degli altri. Capace e instancabile, esigente e trascinatore, a volte pure testardo,
da subito riesce a catalizzare attorno a sé un primo Gruppo missionario a livello
locale, poi diventa importante punto di riferimento per altri gruppi in provincia di
Trento e in quella di Verona. Conosciuto ormai ovunque per la sua autorevolezza
nel settore dei progetti internazionali, collabora intensamente con enti locali e
governativi sia italiani che stranieri, fino a quando il suo lavoro viene interrotto
tragicamente in Cile, dove si trova per l’ennesima spedizione umanitaria.
Muore improvvisamente d’infarto il 1° di febbraio del 1999, alcuni giorni dopo
avere compiuto il suo sessantesimo compleanno e dopo più di vent’anni
di appassionata ed incessante attività di missione.